Questi attacchi informatici non ci fermeranno

Amiche ed Amici, come ben saprete, negli ultimi mesi il nostro sito www.insiemesipuo.info ha subito due attacchi informatici ad opera di hacker professionisti. Questi attacchi sono stati prontamente risolti da un team di esperti, i quali hanno ristabilito per entrambe le volte il funzionamento del sito.
Mi viene da chiedermi se questi attacchi – apparentemente casuali – siano in realtà mirati a minare le basi del nostro Movimento “Insieme Si Può”. Negli ultimi mesi abbiamo incrementato le nostre attività politiche e di denuncia verso il Governo regionale e quello nazionale.
Ad esempio, abbiamo molto rimarcato – anche attraverso video su facebook – il fatto che in Sicilia ci sono infrastrutture inadeguate che mettono in pericolo la sicurezza dei cittadini, problema al quale sia gli enti regionali che quelli statali sembrano non interessarsi. Oppure il fatto che il governo regionale non riesce minimamente a promuovere il turismo in Sicilia, i quale potrebbe essere una delle maggiori opportunità per risollevare la Sicilia e collocarla – in Italia e in Europa – nel posto che merita.
Abbiamo inoltre criticato decisioni discutibili di sindaci locali, come quella del sindaco Orlando di mettere zone ztl nel centro di Palermo. Una soluzione che non mira alla riduzione dell’inquinamento, realizzabile in altri modi, ma a tassare i cittadini.
Senza considerare che stiamo insistendo molto nel far aprire gli occhi ai cittadini per quanto riguardo alla riforma costituzionale, un vero abominio politico. Non facciamo questo non per cercare fama con un tema molto caldo, ma perché se al referendum costituzionale vincesse il “Sì”, lo Stato avrebbe maggiori poteri sulle regioni, le quali perderebbero buona parte della loro autonomia.
Sono tutte questioni scomode, che magari i poteri forti volevano tenere nell’ombra, spostando l’attenzione su questioni meno rilevanti, come il fertility day ad esempio.
Il punto è che sono tutte questione di enorme importanza, quindi Noi del Movimento “Insieme Si Può” continueremo a trattarle, a costo di subire ancora questo tipo di attacchi perché i cittadini siciliani, e i cittadini italiani in generale, devono sapere come stanno le cose.
Ci hanno attaccati è vero, hanno quasi distrutto il nostro sito è vero, ci hanno sferrato un duro colpo è vero, ma noi abbiamo resistito e resisteremo ancora. Non riusciranno a farci tacere di fronte alle ingiustizie.
Potranno avere dalla loro denaro, potere, appoggio politico, ma noi abbiamo una potente arma dalla nostra parte, un’arma che non si può distruggere: quest’arma è la verità. Tutti noi abbiamo il diritto – e il dovere – di far sì che la verità risplenda alla luce del sole, non che sia incatenata nell’oscurità, come vogliono i poteri forti.
Noi continueremo la nostra battaglia, non ci fermeremo, ma abbiamo bisogno di tutto il vostro appoggio. Insieme faremo risplendere l’onestà e la verità! #InsiemeSiPuò